Buy Inbase Fast Home Charger Wall Adapter PD QC 3.0 for Apple iPhone and Android. Inbase power bank

Tracing metal footprints via global renewable power value chains

The globally booming renewable power industry has stimulated an unprecedented interest in metals as key infrastructure components. Many economies with different endowments and levels of technology participate in various production stages and cultivate value in global renewable power industry production networks, known as global renewable power value chains (RPVCs), complicating the identification of metal supply for the subsequent low-carbon power generation and demand. Here, we use a multi-regional input-output model (MRIO) combined with a value chain decomposition model to trace the metal footprints (MFs) and value-added of major global economies’ renewable power sectors. We find that the MFs of the global renewable power demand increased by 97% during 2005—2015. Developed economies occupy the high-end segments of RPVCs while allocating metal-intensive (but low value-added) production activities to developing economies. The fast-growing demand for renewable power in developed economies or developing economies with upper middle income, particularly China, is a major contributor to the embodied metal transfer increment within RPVCs, which is partly offset by the declining metal intensities in developing economies. Therefore, it is urgent to establish a metal-efficient and green supply chain for upstream suppliers as well as downstream renewable power installers for just transition in the power sector across the globe.

Introduction

Renewable power is one of the best options for a more sustainable energy system that would allow our society to reduce man-made greenhouse gas emissions or meet intended climate goals, such as the Paris Agreement 1,2,3. However, the infrastructure (solar modules, wind turbines, etc.) of renewable power relies on various metals such as iron, copper, aluminum, and other precious metals 4,5,6. In the current globalized world, economies play different roles in renewable power supply chains ranging from mining, refinery, and component manufacturing, on to the final deployment, and generate revenues (value-added) in each stage of the renewable power value chains (RPVCs) 7,8,9,10. For instance, solar photovoltaic (PV) value chains use metal ores (copper, aluminum, etc.) from China 11 and Africa 12,13. and modules (silver, copper, etc.) from Europe 14. the United States 15. and China 16,17. which are then assembled in developing economies in Asia, and sold globally 18. With the Rapid expansion of renewable power and the increasing complexity of RPVCs, it is increasingly challenging to identify the metal product suppliers of the renewable power sector 19,20. Clearly tracing how RPVCs affect metal use or value-added can provide valuable information for policymakers to formulate trade policies and foster sustainable and responsible RPVCs.

inbase, fast, home, charger, wall

The key to solving the difficulties in understanding who supplies metal equipment for renewable power generation and demand lies in identification of the links between RPVCs and metal demand. Currently, some research focused on estimating the metal demand and constraints of the renewable power sectors. For example, Wang et al. found that the cumulative amount of critical metals required for the production of China’s solar power from 2015 to 2050 will exceed the present national reserve by 1.4–123 folds 11. Similar studies have been conducted regarding wind power- 10,21. hydroelectricity- 22,23. and nuclear power-related 24,25 metal demands. Most previous estimates focused on direct metal use 10,21,26,27,28,29,30,31. while a more comprehensive assessment regarding upstream metal applications related to supply chain activities (such as transportation and service) is scarce 32,33,34.

In the context of an internationally fragmented renewable power production network, more economies and industries are involved and connected. Although previous studies have estimated the region-specific metal demands for renewable power sectors, they lack a detailed and comprehensive picture of the interactions between RPVCs and metal use 35. This is because these previous studies generally neglect metal use associated with critical upstream stages or do not identify how production sharing affects metal use or value-added among economies in global RPVCs. Therefore, there is an urgent need to conduct a detailed evaluations of both direct and indirect metal use or value-added of different production stages along RPVCs, given that crucial information such as the metal costs induced by renewable power and the position of each economy along RPVCs for reasonably allocating metal use responsibility remains poorly understood 36,37,38,39. over, the renewable power sectors’ scale and the trade of renewable power products have witnessed substantial growth over the last two decades (e.g., the solar photovoltaic module imports of the United States increased by ~70 times in the past 15 years) 40,41. which inevitably changes the profiles of metals consumption as well as metals embodied in international trade 42. To this end, it is vital to unveil the evolution trajectory of metal demand induced by renewable power and the driving forces behind it, which is essential for promoting cross-boundary joint actions for efficient metal use in RPVCs.

In this work, we develop a quantitative framework to gauge metal footprints (MFs, the total metal ores embodied in RPVCs) in global RPVCs by combining a multi-regional input-output model (MRIO) with a value chain decomposition model. The model enables us to track the direct and indirect metal use or value-added associated with all supply chain activities. Specifically, we FOCUS on widely recognized crucial metal demand 31,43,44 for seven categories of renewable power sector (hydropower, wind power, bioenergy, solar PV, solar thermal, ocean power and geothermal power). The metals are grouped into four categories, as suggested in the reports of the United Nations Environment Programme (UNEP) and Word Bank 45,46 : bulk metal ores (bauxite, copper, iron, lead, and zinc ores), precious metal ores (silver and platinum group metal ores), scarce metal ores (nickel and tin ores), and other non-ferrous metal ores. We use a highly detailed MRIO table to trace the spatial-temporal changes in renewable power sectors’ MFs and value-added in 49 economies during 2005–2015. Furthermore, the value chain status of each economy is presented by comparing domestic metal use embodied in exports with the corresponding domestic value-added (see Methods). Consequently, we provide a more holistic view of the growing imbalances in economic benefits and metal costs within RPVCs, highlighting the urgent need to formulate appropriate responsible strategies. In addition, the structural decomposition analysis (SDA) model is applied to investigate the differentiated contribution of each domestic and foreign driving factor to embodied metal changes in trade. By doing so, we reveal the driving mechanism of growing MFs inequality, enabling decision makers and practitioners to formulate targeted measures and policies for mitigating potential growing metal inequities and efficient metal use in RPVCs.

Results

Global and regional metal footprints of renewable power demand

The evolutionary trends in the MFs of the global renewable power sector are shown in Fig. 1 and Supplementary Fig. 1a, b. Along with the Rapid expansion of renewable power infrastructure worldwide, the MFs of the global renewable power demand increased by 97% or 2425 kilotons (kt) from 2005 to 2015. Comparatively, the installed capacity of renewable power is accelerating, increased by 125% or 1101 gigawatts (GW) over 10 years. Both MFs and installed capacity in the wind power and solar PV sectors experienced a large increasing rate (3.2–3.5 times of the MFs and 6–46 times of the installed capacity for renewable power). All results indicate that the installed capacity and electricity generation are growing faster than the MFs of the renewable power demand, mainly because of the material efficiency improvement of renewable power technology in its whole supply chain. There are various options for improving material efficiency, such as design optimization 47. size enlargement 31. and material substitution 48.

Significant discrepancies exist in the MFs of different economies because of the vast differences in the scale of their renewable power sectors and their metal use efficiency. China was the global leader in renewable power sector scale with 67.7 GW newly added installed capacity (43% of the global total) and 1381 terawatt hours (TWh) of renewable electricity generation (24% of the global total), accounting for 61% (Supplementary Fig. 1c) of the total MFs of the global renewable power demand in 2015. In comparison, the United States, the second-largest global economy in renewable power sector scale, added 17.3 GW of renewable power capacity (11% of the global total) and generated 568 TWh of renewable electricity (9% of the global total), accounting for only 1% (Supplementary Fig. 1c) of the global renewable power sectors’ MFs. One complicating factor is that the intensity of metal use (kilogram/megawatt hours, kg/MWh, the ratio of total supply chain metal use to gross renewable electricity generation of each economy, Supplementary Table 1) in the renewable sector of the United States (0.09 kg/MWh) is much lower than that of China (2.2 kg/MWh). In addition, developing economies, such as Latin America, Other Asia, and Africa held 11% of the global MFs of renewable power demand, with only 6% of the global renewable power installations in 2015. This is mainly due to the high intensity of metal use for renewable power generation in these developing economies.

In general, iron and copper ores were the dominant metals in the production of global renewable power, accounting for 54 and 26% of the total MFs of the global renewable power demand, respectively (Supplementary Fig. 2), followed by other non-ferrous metal ores (6% of global MFs). Figure 1 and Supplementary Fig. 3 further show that metal composition of the same renewable power sector is considerably different across economies. Iron ores constituted more than half of the MFs of wind power demand in China, whereas copper appeared to be the dominant metal in Poland and the United Kingdom. The difference can be attributed to differentiated upstream sectoral structures among the economies (as shown in Supplementary Fig. 4). Indirect metal use contributed to more than 80% of the total metal ores use for per unit of wind power generation in the three economies. In China, iron ores accounted for nearly two-thirds of the indirect metal use, mainly induced by the electrical machinery, equipment, and fabricated metal products manufacturing sectors, which are iron ore-intensive processes from a supply chain perspective. The United Kingdom and Poland, exhibited a large proportion of copper ores occupancy, mainly induced by the copper ore-intensive processes through the entire supply chain, such as construction or copper mining activities. Likewise, when comparing China with RoW America (Latin American economies, excluding Brazil), hydropower presents distinct patterns, detailed explanations are presented in Supplementary Fig. 4 and Supplementary Section B.1.

Outsourced metal footprints in RPVCs

Metal outsourcing indicates that an economy increases metal ores extraction outside its borders for domestic consumption of renewable power. From the period of 2005 to 2015, there was a notable increase in the outsourcing of metals, an escalation of 69%, equivalent to 833 kilotons. This surge was predominantly instigated by economies that are either developed or are classified as upper middle-income developing economies. China, in particular, stands out as a major contributor in this context (refer to Fig. 2 for details). The categorization of developed and developing economies is drawn from the classification provided by the World Bank 49 (Supplementary Table 2). In RPVCs, developed economies outsource increasingly large amounts of metal consumption for renewable power sectors to developing economies, which leads to an increase in metal mining and production in developing economies. Here, we aggregated the results into 10 groups of economies (Europe, Africa, the Middle East, North America, Latin America, Other Asia, China, India, Russia, and Australia) to clarify the outsourced MFs flow patterns.

Europe represented the major importer of metals, with 29–52% of the total global import volume during the period concerned (Fig. 2). In 2015, Europe imported 598 kt metals, mostly from Latin America (160 kt), Other Asia (82 kt), and Africa (66 kt). This is mainly attributable to the shortage of indigenous mineral resources, such as copper and lead ores, which cannot meet the large metal demand induced by the huge renewable power industry 50. As a result, European economies must turn to large metal and renewable power component exporters for imports. Interestingly, China quickly became the largest importer (264 kt in 2005 and 1108 kt in 2015), with imported metals mainly from Latin America (352 kt), Australia (296 kt), and Other Asia (198 kt) in 2015. Unlike the developed economy, 63% of the metals consumed by China’s renewable power demand was satisfied by domestic supply (Supplementary Fig. 5). Although China is rich in several metal endowments (such as zinc), it remains insufficient to meet the fast-growing renewable power industry’s metal demand, motivated by carbon mitigation ambition 51. In particular, some crucial metals for renewable power technology are inadequate, for example, scarce nickel mineral resources with

From the export perspective, more than half of the metal ores embodied in trade originated from developing economies, such as Latin America, Africa, and Other Asia (Fig. 2). Embodied metals exports from these regions accounted for 52–55% of global exports in the renewable power sector from 2005 to 2015. Among the three economies, Latin America was the largest exporter of primary products, exporting substantial amounts of metals, accounting for 29–31% of the total traded metals during 2005–2015. over, Russia and Australia (together 26% of the total transfer in 2015) were also significant metal exporters that support global renewable power infrastructure.

The positions of economies in the RPVCs

Each global economy participates in RPVCs at different production stages and generates distinct economic gains with varying metal costs. From a global value chain perspective, exports of goods to other economies entails the utilization of both domestic production and imports, resulting in the metal use and value-added generation in both domestic and foreign economies. In this research, we undertake a further decomposition of the total metal use or value-added embodied in exports, aimed at fulfilling the demand for renewable power in foreign economies. This decomposition separates domestic and foreign components to highlight their distinctive positions. To this end, we introduce two indicators, namely, the domestic metal use ratio (DMUR) and domestic value-added ratio (DVAR) of total exports for satisfying foreign renewable power demand (depicted in Fig. 3a, b and Supplementary Fig. 6). A higher DMUR or DVAR indicates that the majority of metal use or value-added triggered by foreign renewable power demand occurs domestically. In contrast, an economy with a large DMUR but a small DVAR implies that the economy has a considerable contribution of metal use to fulfill foreign renewable power demand but gains a minimal economic benefit.

In general, developed economies occupied high-end segments of the RPVCs. Developed economies, such as European economies (Fig. 3a, b), which exported high-tech and high-value-added intermediate products, consumed the least domestic metals (Fig. 3c). This is because developed economies tended to have high-tech sectors and add a large amount of value through high-end manufacturing or design stages, which consume low levels of metals. As shown in Fig. 3a, b, Norway, Germany, and the Netherlands contributed 42% of global value-added, with a large share of their domestic value-added (DVAR more than 85% in 2015) while consuming far below average (the horizontal dotted line) of the metals extracted locally. With low domestic metals consumption–high-value-added, these economies occupied the top location in the RPVCs. In comparison, developing economies tended to export low-end, low-value-added products, such as ores and steel plates. The developing economies (e.g., Latin America and Other Asia) contributed a large proportion (DMUR ~70% in 2015, Fig. 3b) of the metals mined domestically (Fig. 3c) but received the least value-added (2–7% of the world’s total) for satisfying foreign renewable power demand. Because they have the lowest production costs and the least strict environmental regulations in the world, developing economies have become the destination for manufacturing processes outsourced from developed economies 46. Interestingly, China, as the world’s top renewable power installer, held 2.6% of the global total value-added (Fig. 3) induced by goods and services exports to satisfy foreign renewable power demand, similar to France (2.1%), both of which were lower than that of Norway (23%). This is mainly due to the limited scale of goods and services exports in China and their low-end position in production stages, that is, exporting more domestic metals (more than 168 kt in China, Fig. 3c) with less economic gains (595 million EUR, M.EUR). In contrast, China occupied the largest value-added created by goods and services to meet both domestic and foreign renewable power demand (Supplementary Fig. 8).

During the period from 2005 to 2015, developed economies, such as Norway, Netherlands, and Germany, sustained their prominence in global RPVCs and consistently exhibited high DVAR. These economies gradually shifted towards higher value-added, yet less metal-intensive production stages. For example, Germany experienced a 1.1% increase in DVAR, resulting in a value-added augmentation of 58 million EUR, which constituted 0.5% of the overall global increment. Concurrently, the metal content in Germany’s exports declined by 0.22 kt during the same decade. In contrast, the developing economies witnessed moderate growth in their participation in global RPVCs, characterized by slight increases in both DVAR and DMUR. Nevertheless, developing economies accounted for a substantially larger proportion of the global increase in domestic metals exports compared to the value-added gains they experienced. For instance, Latin America observed a 154.6 kt increase in metal content within its exports, representing 16.5% of the global total increase. However, the region’s value-added growth was relatively modest at 1.8% of the global total increment. Similarly, China demonstrated growth in DMUR and DVAR by 2.7% and 4.9%, respectively. This growth corresponded to a 94 kt increase in metals embodied in intermediate goods exports, which comprised 10% of the global total increase. Despite this growth, the value-added increase in China was disproportionately smaller, accounting for merely 4% of the global total increase between 2005 and 2015.

The growing metal footprints inequality and its driving forces

MFs inequality rose with developed economies’ continuous outsourcing of metal demand for the renewable power sector to developing economies, which can be observed in three aspects. First, the MFs of renewable power per capita in developed European economies were generally higher than those in developing economies. For instance, the MFs in Sweden were ~14 times those in African economies in 2005 and grew to 18 times in 2015. Second, the gap between metals embodied in exports (MEE) and imports (MEI) along the global RPVCs continued to expand for economies. The net exports (MEE minus MEI) in developing economies increased by 21% during 2005–2015. Third, inequality grew from the perspective of domestic metals consumption per unit of export-induced value-added along RPVCs. The value of developing economies (e.g., Africa) was two times of developed economies (e.g., Europe) in 2005, which increased by a factor of 5 times in 2015.

We examine the driving forces of the metals embodied in trade to uncover the drivers of growing MFs inequality along global RPVCs (Fig. 4). The renewable power demand was the major force of inequality growth. Motivated by the renewable power ambition, the domestic renewable power demand (y (r) ) boosted MEI growth by 39–93% in developed economies such as the United States and European economies in 2005–2015. Meanwhile, majority of the demand (y (-r) ) from developed economies, e.g., European economies, and China induced substantial growth (98–196%) of MEE for developing economies, such as those in Latin America, Africa, and Other Asia. Comparatively, the changes in production technology (H (r). H (-r) ) and trade structure (T (r) ) contributed to moderate growth in metal inequality (Supplementary Figs. 9 and 10 and Supplementary Section B.2). Production technology shifts caused the MEI increase in developed economies (except the United States and Austria) by a wide range of 13–200%, and MEE growth in developing economies by 4–99%.

In contrast, the declining direct sectoral metal intensity (m (r). m (-r) ) was a major factor that dampened metal inequality. The intensity declines in developing economies offset the MEI growth of developed economies by 70–75% and MEE growth of developing economies by 42–84% under Rapid technological progress, most of which was higher than the global average of 52%. The direct sectoral metal intensity reduction mainly occurred in the upstream metal mining and production sectors, such as the mining of iron, copper, and precious metal ores, with a decrease rate of 27–100% in Latin America, Africa, and Other Asia from 2005 to 2015. Notably, the metal inequality growth driven by vigorous demands and other drivers could not be offset by the reduction in efficiency gains, indicating the growing imbalance among economies to support the global renewable power market.

Discussion

We comprehensively investigate the MFs and value-added of global and major economies’ renewable power sectors to identify the metal product suppliers in renewable power demand. Furthermore, we reveal the imbalances in global RPVCs, in which developing economies support the renewable power demand of developed economies by mining and processing metal products with low economic value. Finally, we present that our results provide valuable information for reasonable and scientific management of metal resources and RPVCs.

The growing MFs inequality along global RPVCs may hinder the just net-zero transition and climate change mitigation actions. Our results indicate that the Rapid, clean, and low-carbon power transition in developed economies is built on the ever-growing imports of metal-intensive but low value-added products from developing economies. A recent study revealed that future renewable energy will lead to PM2.5 emissions from metal production regionally concentrated in economies such as India and China 52. Similarly, the displacement of metal mining and production also leads to a shift in greenhouse gas (GHG) emissions to developing economies. For instance, the Democratic Republic of Congo produced ~0.4 Mt of copper for global clean energy technologies, which generated approximately 1 Mt of CO2 emissions, equivalent to 40% of the national total anthropogenic emission in 2020 53,54,55. Our results are concurrent with previous literature that these developing economies tend to rely on carbon-intensive metal extraction and mining production technologies under weak environmental regulations and limited climate finance. For example, the CO2 emission intensity of solar PV manufacturing in South Africa (400 kgCO2/kW) is almost thrice as high as that in Germany (150 kgCO2/kW) 42.

If no further actions are taken, carbon emissions may be shifted to the primary metal suppliers, thus, impeding the just and timely net-zero transition. In this regard, it is crucial to trace the supply chain environmental performance in RPVCs and incorporate environmental standards into trade policies to promote carbon-efficient production in developing economies 42. Developed economies could share the responsibility of carbon emission reduction in the minerals field through diverse means, such as low-carbon technology transfer, international climate financial aid expansion, and market-based mechanisms cooperation (such as the Clean Development Mechanism) to stimulate the just net-zero transition 56.

Furthermore, the just net-zero transition and climate goals may also be challenged by the potential metal supply risk 57,58. Existing evidence indicates that the global metal demand driven by ambitious renewable power expansion cannot not be achieved without a significant production increase, such as a two-fold increase in nickel from 2010 to 2040 10,42. In contrast, our results indicate that trade conflicts and geopolitical tensions will interrupt future metal supply chains via metal 59,60. As fierce competition aggravates metal scarcity, the net-zero transitions of developing economies such as China, India, Africa, and the Middle East would become uncertain because of metal affordability and availability issues.

Our results highlight an imbalance in the economic benefits and metal product supply of global RPV Cs. The acquisition of clean energy and economic benefits in developed economies usually occurs at the cost of environmental degradation and natural resources depletion in developing economies. For example, in 2015, the United States imported 98% (50 kt) of metal demand for renewable power consumption, leading to a flow of 21 kt of metals from Latin America to the United States. Given that the global power system will transition quickly from fossil fuel-based generation to renewable-resource-based generation, this imbalance may have some key implications for both energy and metal systems. As metal production involves high levels of pollution and environmental emissions, the large-scale development of renewable energy systems will cause serious environmental problems upstream of the industrial chain, potentially leading to overall detrimental effects globally.

To alleviate this imbalance in global RPVCs and its considerable impact on metal supply, strategies aimed at increasing the sustainability of the supply chain on both production and consumption sides should be implemented in parallel. First, technological progresses regarding production can improve the efficiency of metal production, reduce environmental impact, and mitigate metal inequality among economies 61. Technological innovation for reducing metal intensity and encouraging material substitution in renewable power will play a major role in further metal efficiency improvement. Developed economies, such as the United States and the European Union, have introduced critical material strategies to support Research and Development (RD) in material efficiency 42. Considering the mismatch between technology innovation and implementation, technology transfers to accelerate the application of metal-efficient technologies in developing economies is required 62.

In addition to traditional measures, financial tools 63 such as new tax regulations 64 and MFs label certificates 9 (meant to reveal the true cost of embodied metal products) could be enforced for metal mining and producing economies (e.g., South Africa, Congo, China, and Chile). That is, the environmental and health costs of the water, atmosphere, soil pollution, and climate change caused by the extraction, smelting, and transportation of metals that should be considered in the of metal products. Additional tax measures would increase the monetary cost of the product and share the cost economically throughout the supply chain. Market behavior can directly encourage producers to reduce production costs 41 ; however, the consumption side (the European and American renewable power sectors) can be guided towards metal products with lower environmental costs. over, market selection can assist reduction or even phase out metal products with high production costs or that are non-environmentally friendly.

Notably, there has been some initial activities towards sustainable supply chain management using market tools. The United States and European trade policies emphasize that companies that export photovoltaic modules must issue supply chain traceability certificates 65,66. In China, a supply chain traceability system for important products is considered an effective measure for supervising the supply chain 67. In 2019, Changzhou Customs of China applied seven certificates of origin for solar modules exported to Chile, which facilitated 4 million in solar PV sales 68. Under a bilateral agreement, these goods are expected to elicit more than 200,000 tariff concessions at customs in the importing country 69. In the future, it is possible that an increase in number of costs and taxes 70 could be incorporated into trade policies based on the consumption of specific metals in the upstream supply chain to help sustainably manage renewable power supply chains.

Changes in the pattern of metal demand may bring new risks to the supply of renewable power, bringing energy security uncertainties. Coal, oil, and natural gas production required for traditional power generation is mainly concentrated in the Middle East and United States 71,72. Our results further show that the metals required for global renewable power consumption are mainly extracted from Latin America, Africa, and Other Asia. The dependence of renewable power development on raw materials from these regions has reshaped the resource demand pattern in the global power sector.

These changes may bring new risks of metal supply in renewable power development, and the metal flow in our work may help illustrate the supply chain risk source and potential implications. For example, nearly 50% of the metals used in renewable power consumption of European economies originate from Latin America, Africa, and Asia. However, some of these major metal suppliers are faced with uncertain supply policies and geopolitical tensions, which may disrupt the metal supply chain, thereby affecting the stability and resilience of the renewable power market. In 2019, the Indonesian government confirmed that the nickel export ban would be effective by 2020 73. Price volatility followed and caused the average three-month nickel price to jump by 31% yearly from 2019 74. Another example is the rise in base metal prices, such as nickel and aluminum, which continued to rise in 2022 due to supply chain disruptions, such as the war between Russia and Ukraine 75. Consequently, the cost decline of renewable technologies due to technological innovation and economies has mostly reversed. The for wind power and solar photovoltaic modules rose by 9 and 16%, respectively. This, in turn, led manufacturers to increase equipment prices, which threatens renewable power expansion schedules 18. Thus, import-dependent economies need to reduce the dependence on external suppliers and diversify their metal supply to improve the supply self-reliance. In 2010, the United States government formed an interdepartmental working group on strategic mineral supplies for critical metals to improve policies, plans, and procedures to address supply chain risks related to minerals used for renewable power generation, with the goal of diversifying their supply and reducing their heavy reliance on a single economy for metal components used in renewable power generation 76.

In addition, our results indicate that the trade structure can be modified to mitigate metal supply risk and consumption inequality along RPVCs among economies. Import-dependent developed economies can adjust the distribution of traded goods towards metal-efficient sources. For both producers and consumers, trade policies can incorporate resource efficiency standards to select export/import sources, rather than simply transferring metal consumption to downstream economies 77. For example, China issued guidelines for high-quality trade in 2021 with strict control of the carbon- or energy-intensive products export 78. Furthermore, it is vital to establish a high-level joint governance framework for standardizing efficiency performance to promote the metal efficiency of the entire supply chain to ensure reliable supply.

Developing economies may face a challenge regarding meeting the metal demand for fast-expanding renewable power infrastructure. According to the International Energy Agency (IEA), the demand for clean power technologies for metal minerals is projected to quadruple by 2040 under sustainable development 42. and 60% of this growth is expected to be driven by developing economies (such as China, India, Brazil) 1,79. However, our results show that developing economies are more inefficient in the use of metal resources than developed economies. Therefore, improving the efficiency of metal use by reducing loss in primary production and throughout the entire production cycle is crucial in developing economies. Developing economies could save 1041 tons of rare earth metals by 2050 if they increase the efficiency of their metal use in the renewable power sector to its potential level, as determined by the average efficiency level under a net zero emissions scenario 80.

In the long term, effective recycling and reuse is expected to significantly reduce the substantial demand for raw materials and the environmental consequences in developing economies. Currently, there are two approaches to recycling: end-of-life (EOL) recycling and co-metal recycling. EOL recycling is the most commonly used method. Ninety percent of the base metal materials in the renewable power sector can be recycled through decommissioning, such as by dismantling and disposal of turbine steel, copper, aluminum, and other metals 81,82. However, the recycling rate is still subject to many factors, such as the depreciation rate of renewable power infrastructure and recycling techniques 10. Generally, the large-scale installation of wind power started from 2020 and the wind turbines’ lifespan usually lasts for approximately 20 years 83. suggesting that there will not be a ramp up of decommissioned metal materials from the recently installed wind turbines until 2040. In addition, recycling during mining and refining is also considered a promising measure to alleviate metal shortages, indicating that waste tailings may become increasingly important in the future 84. For example, 10 kt of gallium is expected to be recycled from bauxite ores, and more than 15 kt of indium is recycled annually 85,86. However, these techniques still face significant challenges such as the high cost of tailings, waste collection, and metal loss during the remitting process 87,88. This suggests that encouraging centralized collection of tailings could be an efficient way to mitigate metal resource waste in the production process, in addition to improving recycling techniques 89.

Methods

Metal footprints of renewable power demand

The input-output models used to estimate the MFs are all derived from the classical Leontief equation 90. This method can identify the input-output relationships between different economies and sectors, as well as the quantity and type of intermediate product inputs required by each economy and sector to produce one unit of output. Using this method, the production process of the final products (e.g., electricity) can be traced.

where, \(\widehat\) is a matrix with the direct metal intensity for all sectors on the diagonal. We change the demand matrix Y with zeros for all sectors other than renewable power sectors, namely, production of electricity by hydro, wind, biomass and waste, solar photovoltaic, solar thermal, tide, wave, ocean, and geothermal. The total renewable electricity demand covers that for both economic production and final demand, such as by households, government, investment, and the coverage applies for the whole analysis.

The metal footprints of renewable power demand of economy s can also be expressed as follows:

where, the subscript c represents ten types of metals.

Metals embodied in trade

Metal embodied in exports (MEE) is expressed as follows according to Xu and Dietzenbacher 91 :

where, the metal embodied in exports can be divided into two parts. The first part represents the metal embodied in economy r’s renewable power export that is consumed in another economy. The second part represents the metal embodied in the economy r’s intermediate products, which are exported and then used to produce renewable power for consumption for all other economies.

Similarly, metal embodied in import (MEI) is expressed as:

where, the third part represents the global metals embodied in the goods and services imports by economy s to produce renewable power and finally consumed in economy r. The fourth part provides the metals in other economies that are embodied in the intermediate products imported by producers in economy r to generate renewable power for consumption.

Tracing metal use or value-added embodied in global RPVCs

Based on the input-output model, the total bilateral trade of metal use or value-added (export from s to r as example) can be written as:

Defining “#” as an elementwise matrix multiplication operation, we obtain the total bilateral exports of economy s by summing across the G economies and N sectors, as can be found in Wang and Koopman 92,93 (for a detailed proof, see the Supplementary Section A.1). To clarify the meaning of the eight terms on the right-hand side of the formula, we take metals as an example and provide the following explanations: The first term is the domestic metals of economy s embodied in the final product exports of economy s. The second term represents the domestic metals of economy s embodied in intermediate goods exports to r, which are used by r to produce final goods that are consumed in r. The third term represents the domestic metals embodied in economy s’ intermediate exports and used by the direct importing economy r to produce intermediate products that are exported to a third economy t for the production of final consumption goods. The fourth term represents the domestic metals embodied in economy s’ exports of intermediate goods used by other economies for their production of final goods that are returned to economy s. The fifth term represents a double calculation, that is, the double counting of domestic metals owing to the repeated intermediate goods trade necessary to produce final exports for economy s. The sixth term captures the foreign metals used in the final exports of economy s. The seventh term indicates the foreign metals used by economy s to produce intermediate goods exports, which are then used by other economies to produce their domestic final goods. The last term represents the foreign metals embodied in intermediate goods exports and used by economy r to produce its intermediate and final goods exports to the world, which are included in the double count of s’ exports that originate in foreign economies. e r is gross exports of economy r. Because the double calculation part does not belong to any economy, it is disregarded 19. To trace the total value-added embodied in global renewable power value chains (VEEVC sr ), the m vector can be replaced with v vector, which represents the direct value-added coefficients of all sectors.

To obtain the percentage of an economy’s domestic metal costs or economic gains in total metal use or value-added embodied in exports for satisfying foreign renewable power demand, two indicators, DMUR and DVAR, were defined and derived as follows:

Structural decomposition analysis

Structural decomposition analysis (SDA) is widely used to explore the driving force behind changes in resource use or emissions embodied in trade, such as materials resources 94. carbon emissions 95 and mercury emissions 96. According to Eqs. (12) and (13), MEE (metals embodied in exports) and MEI (metals embodied in imports) depend on the direct sectoral metal intensity vector m, input matrix A, and demand matrix Y 91. We then decompose the input matrix A into production technology (H) and intermediate product input trade structure (T). Similarly, the levels of demand (y) and final product trade structure (D) are used to reflect the demand matrix Y. Because of the form of bilateral trade, we divide the five factors into domestic (r) and foreign (-r). The resulting expression for the SDA is as follows:

The first polar is calculated by changing each variable in turn; for example, first changing the first variable, then the second variable, followed by changing the third variable, etc. The second polar is calculated in opposite; we change the last variable first, then the last variable, etc. Further details are provided in the Supplementary Section A.2. The changes in MEE and MEI between year t-1 and t are decomposed by \(_1^\) and \(_2^\). or \(_1^\) and \(_2^\). and the geometric average is determined.

The decomposition of the MEE and MEI changes over a period of years was calculated by multiplying the number of consecutive years. The total change in years 0 to t can be expressed as:

Datsources

There are currently several widely used global multi-regional input-output tables, including EXIOBASE, the World Input-Output Database (WIOD), the Global Trade Analysis Project (GTAP), and Eora, which differ in sectoral and regional resolution 97,98,99,100. We chose the time series EXIOBASE mainly because of its high sectoral resolution (163 sectors, see Supplementary Table 5), including seven renewable power sectors, such as wind power and solar PV 101. The table covers 44 economies, including 31 European Union member economies and 13 other major ones. The remaining uncovered parts of the world were divided into 5 regions. The currency flows in the multi-regional input-output table are expressed in million EUR. The high-resolution EXIOBASE describes complicated global sectoral linkages between each renewable power sector and all other sectors, allowing us to track direct and indirect metal use or value added along the global RPVCs. over, EXIOBASE facilitates a detailed account of the metal use or value-added of different production stages along RPVCs, thereby revealing the relationships between metal costs and the economic gains of each economy. EXIOBASE is a popular database for revealing the material and other impacts (e.g., emissions) embedded in the global trade of renewable power sectors 35,102,103.

A set of environmental satellite accounts were provided by each sector-region combination and year, which contained metal ores. The selected metals were grouped into four categories, as suggested in the reports of the United Nations Environment Programme (UNEP) and Word Bank 46,47. including bulk metal ores, precious metal ores, scarce metal ores, and others. Bulk metal ores include bauxite, copper, iron, lead, and zinc ores; precious metal ores include silver and platinum-group metal ores; scarce metal ores include nickel and tin ores; and others include other non-ferrous metal ores. To capture the latest evolution in metals embodied in trade, we use data spanning 2005, 2010, and 2015; all values in 2010 and 2015 were adjusted to the 2005 constant (for more datsources, see Supplementary Section A.3). Furthermore, higher levels of disaggregation of metal types and corresponding sectors in EXIOBASE are urgently required, which is crucial for comprehensively understanding how renewable power value chains affect diversified metal consumption worldwide.

Data availability

All the data used in this study is from open access sources. Specifically, the power capacity and electricity generation data are obtained from the International Renewable Energy Agency (https://www.irena.org) 104. The Gross National Income (GNI), the national Gross Domestic Product (GDP) and total population data are obtained from the World Bank (https://data.worldbank.org) 105. The shapefiles used to create maps are from the Environmental Systems Research Institute (https://hub.arcgis.com) 106. The global MRIO tables are from EXIOBASE (https://www.exiobase.eu/) 101. The data generated in this study are provided in the Supplementary Information/Source Data file. The metal footprints and value-added data related to renewable power sectors are shown in Supplementary Figs. 1–10 and Tables 3 and 4. Source data underlying all figures in the main manuscript are provided as source Data file. Source data are provided with this paper.

Acknowledgements

This research was financially supported by the National Natural Science Foundation of China (72222014, J.L.; 72348001, J.L.; 72074138, K.F.; 71834004, X.L.), National Social Science Foundation of China (22VMG017, J.L.), and The Key Research Development Project of Qinghai Province (2022-SF-173, H.Z.).

Author information

Authors and Affiliations

  • Institute of Blue and Green Development, Shandong University, Weihai, 264209, P. R. China Rao Fu, Kun Peng, Honglin Zhong, Pengfei Zhang, Xi Liu Jiashuo Li
  • Key Lab of Urban Environment and Health, Institute of Urban Environment, Chinese Academy of Sciences, Xiamen, 361021, P. R. China Peng Wang
  • Academy of Plateau Science and Sustainability, Qinghai Normal University, Xining, 810016, P. R. China Honglin Zhong Jiashuo Li
  • Department of Environmental Science and Engineering, Fudan University, Shanghai, 200082, P. R. China Bin Chen
  • Guangxi Key Laboratory of Power System Optimization and Energy Technology, Guangxi University, Nanning, 530004, P. R. China Yiyi Zhang
  • Shandong Key Laboratory of Blockchain Finance, Shandong University of Finance and Economics, Jinan, 250014, P. R. China Dongyang Chen
  • Department of Geographical Sciences, University of Maryland, College Park, MD, 20742, USA Kuishuang Feng

Inbase Fast Home Charger PD QC 3.0 for Apple and Android

Forget about taking multiple wall adapter everywhere you go with one dedicated USB C Power Delivery port and one port equipped with world-famous quick charge 3.0 technology, you can charge nearly any device all from a single charger. This is one of the best fast charging adapter for iPhone 12 pro which doesn’t damage your phone battery.

Inbase Fast Home Charger :

Charge any standard USB device as fast as possible with quick charge 3.0 signature technology. Inbase is best fast charger adapter for iPhone. USB C devices get a blazing-fast 18 W charge from the dedicated power delivery port.

Specification for Charger :

Type : Home Charger PD 18W QC3.0

Type C output : 5V 3A, 9V 2A, 12V 1.5 A

Working Temperature : 10 – 50.

Reviews

Be the first to review “Buy Inbase Fast Home Charger Wall Adapter PD QC 3.0 for Apple iPhone and Android” Cancel reply

Vishal Ecoms (we and us) is the operator of (https://vishalecoms.com) (Website). By placing an order through this Website you will be agreeing to the terms below. These are provided to ensure both parties are aware of and agree upon this arrangement to mutually protect and set expectations on our service.

Subject to stock availability. We try to maintain accurate stock counts on our website but from time-to-time there may be a stock discrepancy and we will not be able to fulfill all your items at time of purchase. In this instance, we will fulfill the available products to you, and contact you about whether you would prefer to await restocking of the backordered item or if you would prefer for us to process a refund.

Shipping Costs

Shipping costs are calculated during checkout based on weight, dimensions and destination of the items in the order. Payment for shipping will be collected with the purchase.

This price will be the final price for shipping cost to the customer.

3.1 Return Due To Change Of Mind

Vishal Ecoms will happily accept returns due to change of mind as long as a request to return is received by us within 7 days of receipt of item and are returned to us in original packaging, unused and in resellable condition.

Return shipping will be paid at the customers expense and will be required to arrange their own shipping.Once returns are received and accepted, refunds will be processed to store credit for a future purchase. We will notify you once this has been completed through email.(Vishal Ecoms) will refund the value of the goods returned but will NOT refund the value of any shipping paid.

3.2 Warranty Returns

Vishal Ecoms will happily honor any valid warranty claims, provided a claim is submitted within 7 days of receipt of items.

Customers will be required to pre-pay the return shipping, however we will reimburse you upon successful warranty claim.

Upon return receipt of items for warranty claim, you can expect Vishal Ecoms to process your warranty claim within 7 days.

Once warranty claim is confirmed, you will receive the choice of:

(a) refund to your payment method

(b) a refund in store credit

(c) a replacement item sent to you (if stock is available)

Delivery Terms

4.1 Transit Time Domestically

In general, domestic shipments are in transit for 2. 7 days

4.2 Transit time Internationally

Generally, orders shipped internationally are in transit for 4. 22 days. This varies greatly depending on the courier you have selected. We are able to offer a more specific estimate when you are choosing your courier at checkout.

4.3 Dispatch Time

Orders are usually dispatched within 2 business days of payment of order

Our warehouse operates on Monday. Friday during standard business hours, except on national holidays at which time the warehouse will be closed. In these instances, we take steps to ensure shipment delays will be kept to a minimum.

4.4 Change Of Delivery Address

For change of delivery address requests, we are able to change the address at any time before the order has been dispatched.

4.5 P.O. Box Shipping

Vishal Ecoms will ship to P.O. box addresses using postal services only. We are unable to offer couriers services to these locations.

4.6 Military Address Shipping

We are able to ship to military addresses using USPS. We are unable to offer this service using courier services.

4.7 Items Out Of Stock

If an item is out of stock, we will dispatch the in-stock items immediately and send the remaining items once they return to stock.

4.8 Delivery Time Exceeded

If delivery time has exceeded the forecasted time, please contact us so that we can conduct an investigation.

Tracking Notifications

Upon dispatch, customers will receive a tracking link from which they will be able to follow the progress of their shipment based on the latest updates made available by the shipping provider.

Parcels Damaged In Transit

If you find a parcel is damaged in-transit, if possible, please reject the parcel from the courier and get in touch with our customer service. If the parcel has been delivered without you being present, please contact customer service with next steps.

Duties Taxes

7.1 Sales Tax

Sales tax has already been applied to the price of the goods as displayed on the website

7.2 Import Duties Taxes

Import duties and taxes for international shipments may be liable to be paid upon arrival in destination country. This varies by country, and Vishal Ecoms encourage you to be aware of these potential costs before placing an order with us.

If you refuse to to pay duties and taxes upon arrival at your destination country, the goods will be returned to Vishal Ecoms at the customers expense, and the customer will receive a refund for the value of goods paid, minus the cost of the return shipping. The cost of the initial shipping will not be refunded.

If you change your mind before you have received your order, we are able to accept cancellations at any time before the order has been dispatched. If an order

has already been dispatched, please refer to our refund policy. 9. Insurance

Parcels are insured for loss and damage up to the value as stated by the courier.

9.1 Process for parcel damaged in-transit

We will process a refund or replacement as soon as the courier has completed their investigation into the claim.

9.2 Process for parcel lost in-transit

We will process a refund or replacement as soon as the courier has conducted an investigation and deemed the parcel lost.

Customer service

For all customer service enquiries, please phone us at 91 9094371024 or mail us at cs@vishalecoms.com

Miglior power bank: guida all’acquisto (giugno 2023)

Tremi all’idea di rimanere con lo smartphone scarico? Ogni volta che cerchi una presa per ricaricare il tuo smartphone o il tuo tablet, la trovi puntualmente occupata dai dispositivi di altre persone? Non ci sono dubbi, tu hai bisogno di un power bank.

Qualora non ne avessi mai sentito parlare, i power bank sono delle batterie portatili che permettono di ricaricare dispositivi come smartphone, tablet e in alcuni casi perfino notebook (se equipaggiati con porte in formato USB-C) in qualsiasi luogo e qualsiasi circostanza. Possono essere di varie dimensioni, capacità e colorazioni e possono includere una o più porte USB per la ricarica dei dispositivi. Che ne dici se proviamo a scoprire, insieme, quali sono quelli più interessanti del momento? Ti va? Benissimo.

Qui sotto trovi una serie di spiegazioni che dovrebbero aiutarti a individuare il miglior power bank per le tue esigenze e, cosa forse ancora più importante, un elenco di power bank tra quelli che attualmente offrono il miglior rapporto tra qualità e prezzo. Indipendentemente dal modello di smartphone o tablet in tuo possesso, sono sicuro che riuscirai a trovare una batteria adatta a te e a metterti alle spalle la paura di rimanere con i tuoi dispositivi scarichi!

Indice

  • Capacità
  • Forma, dimensioni e peso
  • Porte e potenza
  • Supporto QuickCharge
  • Indicatori LED e torcia

Quale power bank comprare

A questo punto direi di non perderci più in chiacchiere e di vedere, insieme, quali sono le batterie portatili più interessanti del momento. Scommetto che non faticherai a trovarne qualcuna adatta a te!

  • Power Bank Charmast 10400mAh
  • AXNEB Power Bank 13800mAh
  • Power Bank INIU 10000mAh
  • iPosible Power Bank 26800mAh
  • VEGER Power Bank 20000mAh
  • VRURC Power Bank 20000mAh
  • INIU Power Bank 20000mAh
  • Power Bank FAHEFANA 10000 mah
  • Pxwaxpy Power Bank 10800mAh
  • Bogseth Power Bank 24000mAh

Il Power Bank 10400mAh di Charmast è un caricabatterie portatile USB C ideale per chi è sempre in movimento e necessita di una soluzione pratica ed efficiente per mantenere i propri dispositivi carichi. Questa batteria esterna, disponibile in colore nero, è compatibile con una vasta gamma di modelli di smartphone, tra cui iPhone, Samsung e Huawei.

Il design ultra sottile e le dimensioni ridotte (14.4 x 6.7 x 1.5 cm) rendono il Power Bank 10400mAh estremamente portatile e adatto a essere trasportato in tasca, borsetta o zaino. La capacità di 10400mAh garantisce diverse ricariche complete per i tuoi dispositivi: ad esempio, può caricare un iPhone 12 per 2.5 volte o un iPad mini per 1.2 volte.

Uno dei punti di forza di questo prodotto è la presenza di 2 ingressi (Micro USB / Type C) e 3 uscite (Dual USB/Type-C), che permettono di caricare contemporaneamente fino a tre dispositivi alimentati tramite USB e Type-C. Il Power Bank 10400mAh riconosce automaticamente il dispositivo collegato e ne ottimizza la velocità di ricarica, garantendo un’esperienza rapida e sicura.

Un’altra caratteristica interessante è il Display LED che mostra l’energia rimanente in percentuale, oltre alla tensione e intensità di corrente. Questo consente di avere sempre sotto controllo la capacità della batteria e di assicurarsi che i dispositivi siano sempre alimentati nei momenti critici.

La tecnologia avanzata della batteria ai polimeri e il sistema di protezione multiuso garantiscono un’esperienza d’uso sicura e affidabile. Il Power Bank 10400mAh è inoltre dotato di un cavo di carica Micro USB (20cm), un sacchetto da trasporto e una guida di benvenuto.

Power Bank 10400mAh, USB C Caricabatterie Portatile con LED Digitale D.

Power Bank 10400mAh, USB C Caricabatterie Portatile con LED Digitale D.

Il Power Bank AXNEB 13800mAh è un caricatore portatile ultra sottile e leggero, ideale per chi è sempre in movimento e necessita di mantenere i propri dispositivi sempre carichi. Grazie alla sua capacità di 13800mAh, questo power bank permette di ricaricare completamente un iPhone 14 per 2,5 volte, un iPad mini per 1,5 volte e un Samsung Galaxy S22 per 2,2 volte.

Una delle caratteristiche principali di questo prodotto è la presenza di ben 3 porte di uscita: due USB 2.1A e una PD 3.0A. La porta bidirezionale USB-C 25W PD e QC 4.0A consente di ricaricare rapidamente il tuo nuovo iPhone dallo 0 all’80% in soli 35 minuti, mentre le porte USB 2.1A garantiscono una ricarica completa del telefono in 1,5-2,5 ore.

Il Power Bank AXNEB è dotato anche di 2 porte di ingresso, una 3.0A PD e una USB 2.1A, che permettono di ricaricare la batteria stessa in tempi brevi: utilizzando l’ingresso PD di USB C, la carica completa avviene in 2,5-3 ore, mentre con un adattatore 5V/2.1A tramite Micro USB 2.1A occorrono circa 4-5 ore.

Il design di questo power bank include una pratica torcia LED, utile per la lettura, il campeggio e le emergenze, e un display LCD blu che consente di controllare facilmente la capacità della batteria e assicurarsi che i dispositivi siano sempre alimentati nei momenti critici.

Nella confezione troverai il power bank da 13800mAh, un cavo USB-C e il manuale d’uso. Il prodotto è coperto da una garanzia professionale e amichevole di 24 mesi, che garantisce un godimento duraturo del tuo acquisto.

AXNEB Power Bank 13800mAh,Ultra Sottile Leggero Caricatore Portatile.

AXNEB Power Bank 13800mAh,Ultra Sottile Leggero Caricatore Portatile.

Il Power Bank INIU Ultra Sottile Leggero 10000mAh è un caricatore portatile di alta qualità, ideale per chi è sempre in movimento e necessita di mantenere i propri dispositivi carichi e pronti all’uso. Questo power bank si distingue per il suo design ultra sottile e leggero, con un corpo di soli 0,5 pollici di spessore e un peso di 198 grammi, rendendolo estremamente pratico da trasportare in tasca o in borsa.

Una delle caratteristiche principali di questo power bank è la sua capacità di 10000mAh, che permette di ricaricare completamente più volte la maggior parte degli smartphone sul mercato, come iPhone 14, Samsung e Huawei. Inoltre, grazie alla sua doppia uscita 3A ad alta velocità, è possibile ricaricare rapidamente due dispositivi contemporaneamente, garantendo una carica fino al 78% in solo un’ora per un iPhone.

Il Power Bank INIU è dotato di una porta USB-C INGRESSOUSCITA, che lo rende compatibile con tutti i dispositivi dotati di cavi USB-C. Questa caratteristica lo colloca tra il 5% dei power bank sul mercato che offrono questa funzionalità, consentendo una maggiore versatilità nell’utilizzo del prodotto.

La sicurezza è una priorità per INIU, motivo per cui questo power bank è dotato di un sistema SmartProtect a 15 strati che elimina qualsiasi rischio di ricarica anormale, surriscaldamento e danni alla batteria dei dispositivi collegati. Inoltre, la marca INIU è sinonimo di qualità e affidabilità, con oltre 38 milioni di utenti in tutto il mondo che ne attestano l’efficacia.

Nella confezione del Power Bank INIU Ultra Sottile Leggero 10000mAh troverai il caricatore portatile, un cavo da USB A a USB C da 0,3 m/1 piede, una custodia da viaggio, il manuale dell’utente e una garanzia di rimborso di 30 giorni. Inoltre, INIU offre una garanzia di 3 anni leader del settore e supporto tecnico a vita, dimostrando la fiducia nella qualità del proprio prodotto.

Power Bank, INIU Ultra Sottile Leggero Powerbank 10000mAh Doppia Usc.

Powerbank da 10000mAh, Doppia Uscita 3A, Ricarica USB C, Sottile, Legg.

Il iPosible Power Bank 26800mAh è un caricatore portatile di alta qualità, dotato delle più recenti tecnologie di ricarica rapida PD3.0 e QC4.0. Questo dispositivo offre una capacità di 26800mAh, garantendo così una lunga durata della batteria per tutti i tuoi dispositivi elettronici.

Il power bank presenta un display LCD di nuova concezione che mostra il livello corrente della batteria e lo stato di ingresso e uscita, eliminando la necessità di indovinare quando è il momento di ricaricare. Grazie allo standard internazionale di sicurezza del trasporto aereo adottato, questo caricabatterie può essere portato a bordo senza problemi.

Una caratteristica importante del iPosible Power Bank è l’importazione dell’IC di controllo intelligente, che previene sovraccarico, sovratensione, sovracorrente e cortocircuito della banca di alimentazione. Inoltre, il power bank supporta la carica e la scarica simultanea, offrendo una maggiore comodità durante l’utilizzo.

Grazie alla combinazione delle tecnologie di ricarica veloce PD3.0 e QC4.0, il caricabatterie portatile iPosible è in grado di ricaricare rapidamente il tuo iPhone dallo 0 al 80% in soli 35 minuti, fornendo una velocità di ricarica tre volte superiore rispetto ai caricabatterie 1A originali. Inoltre, puoi caricare fino a tre dispositivi contemporaneamente, rendendo questo power bank estremamente versatile.

Il caricabatterie portatile PD3.0 è compatibile con una vasta gamma di dispositivi, non solo cellulari e tablet, ma anche dispositivi più piccoli come cuffie Bluetooth, fitness tracker e smartwatch. Questo lo rende un accessorio indispensabile per chiunque abbia bisogno di mantenere i propri dispositivi carichi durante gli spostamenti.

Nella confezione del iPosible Power Bank 26800mAh troverai il power bank stesso, un cavo Micro-USB e un manuale d’uso. La garanzia professionale e amichevole di 24 mesi assicura la durata del tuo acquisto e la soddisfazione del cliente.

iPosible Power Bank 26800mAh, 25W PD3.0QC4.0 Ricarica Rapida Caricato.

iPosible Power Bank 26800mAh 25W PD3.0QC4.0 Ricarica Rapida Caricator.

Il VEGER Power Bank 20000mAh è un caricatore portatile di alta qualità che offre una ricarica rapida e affidabile per i tuoi dispositivi mobili. Grazie alla sua potente capacità di 20000 mAh, questo power bank può caricare il tuo smartphone, tablet o altri dispositivi USB più volte, rendendolo perfetto per viaggi, escursioni e altre situazioni in cui potresti non avere accesso a una presa di corrente.

Una delle caratteristiche principali del VEGER Power Bank è la sua ricarica rapida da 22.5W, che utilizza i protocolli PD3.0 e QC4.0 per offrire velocità di ricarica fino a tre volte superiori rispetto ai caricabatterie standard da 5V/1A. Questo significa che puoi ricaricare i tuoi dispositivi molto più rapidamente, riducendo il tempo che passi ad aspettare che la batteria si carichi.

Il design compatto e leggero del VEGER Power Bank lo rende estremamente portatile. Con dimensioni di soli 10.8 x 45.7 x 2.8 cm e un peso di 302 grammi, può essere facilmente inserito in borse, zaini e persino nelle tasche delle giacche. Nonostante le sue dimensioni ridotte, il power bank offre una grande capacità di carica, garantendo che i tuoi dispositivi rimangano sempre alimentati.

Un’altra caratteristica utile del VEGER Power Bank è il suo display a LED integrato, che mostra il livello della batteria dallo 0% al 100%. Questo ti permette di sapere esattamente quanta energia rimane nel power bank, così puoi pianificare quando ricaricarlo.

Il VEGER Power Bank è dotato di tre uscite USB, tra cui una porta USB-C, che lo rende compatibile con una vasta gamma di dispositivi, tra cui iPhone 14/13/12, iPad, Samsung S22 S21, Huawei, Xiaomi e altri tablet. Inoltre, il power bank viene fornito con un cavo da USB A a USB C e istruzioni in italiano per aiutarti ad utilizzarlo correttamente.

VEGER Power Bank 20000mAh, 22.5W Caricatore Portatile Ricarica Rapida.

VEGER Mini Power Bank 20000mAh PD QC 3.0 22.5W Max Caricatore Portatil.

Il VRURC Power Bank 20000mAh è un caricatore portatile di alta qualità che offre una ricarica rapida e potente per i tuoi dispositivi. Grazie alla sua tecnologia avanzata, questo power bank supporta la ricarica rapida con Power Delivery (PD3.0) e Quick Charge (QC4.0), offrendo un’esperienza di ricarica ad alta velocità senza precedenti, ben 4 volte più veloce rispetto ai normali power bank.

Il VRURC Power Bank dispone di 3 ingressi (Micro/Type C/iPhone compatibile) e 4 uscite (1 Type C e 3 USB A), permettendoti di caricare fino a 4 dispositivi contemporaneamente. La sua capacità di 20000mAh garantisce una carica duratura per tutti i tuoi dispositivi, mentre il suo design compatto lo rende facile da trasportare in tasca, borsa o zaino.

Una caratteristica distintiva di questo power bank è il suo design unico con display LED accurato, che ti permette di conoscere facilmente lo stato della batteria e il livello di carica. L’accuratezza del display, che mostra il livello di carica da 0 a 100%, ti consente di sapere esattamente quanta batteria rimane disponibile. Inoltre, il fondo del power bank presenta un design unico per il cavo, che può essere utilizzato sia come cavo di ricarica sia come cordino, rendendo il dispositivo ancora più comodo da portare ovunque.

Il VRURC Power Bank è compatibile con una vasta gamma di modelli di telefono, tra cui Samsung e iPhone, ed è disponibile in un elegante colore nero. La sua funzione di ricarica rapida lo rende ideale per chi ha bisogno di una soluzione di ricarica veloce e affidabile mentre è in movimento.

Nella confezione del VRURC Power Bank 20000mAh troverai il power bank stesso, un cavo da USB C a USB C (20 cm), una borsa da viaggio, un manuale d’uso e un estrattore di schede SIM. Questo set completo ti offre tutto ciò di cui hai bisogno per sfruttare al meglio le potenti funzionalità di questo caricatore portatile.

VRURC Power Bank 20000mAh 22.5W Ricarica Rapida Mini Caricatore Portat.

VRURC Power Bank 20000mAh 22.5W Ricarica Rapida Mini Caricatore Portat.

Il INIU Power Bank è un caricatore portatile con una capacità di ben 20000mAh, ideale per ricaricare rapidamente e in modo sicuro i tuoi dispositivi elettronici. Questo powerbank è compatibile con una vasta gamma di modelli di telefono, tra cui iPhone, Samsung, Google, Huawei e Xiaomi, oltre a dispositivi come auricolari Airpods e Google Pixel Buds.

Una delle caratteristiche principali del INIU Power Bank è la sua ricarica rapida. Grazie all’uscita aggiornata da 22,5W e alle ultime tecnologie di ricarica rapida PD3.0 QC4.0, il tuo cellulare può essere caricato fino al 61% soltanto in 30 minuti. Inoltre, questo powerbank è in grado di caricare il tuo iPad Pro fino al 34% in 30 minuti, offrendo una velocità di ricarica superiore rispetto alla maggior parte delle batterie portatili sul mercato.

Il INIU Power Bank è dotato di un ingresso uscita USB C della versione 2023, che si adatta perfettamente ai nuovi iPhone, iPad e tutti i dispositivi USB-C in arrivo. Con una porta USB-C e due porte USB integrate, questo caricabatterie portatile può caricare TRE dispositivi contemporaneamente, permettendoti di condividere l’alimentazione portatile con famiglia e amici.

Un altro vantaggio del INIU Power Bank è la sua capacità di ricaricare anche piccoli dispositivi, come Airpods, cuffie Bluetooth, tracciatori fitness e orologi intelligenti. Molti power bank sul mercato non sono in grado di caricare dispositivi a bassa corrente, ma INIU ha risolto questo problema.

Inoltre, il INIU Power Bank è dotato di una torcia, che può essere utile in situazioni di emergenza o quando hai bisogno di un po’ di luce extra. La composizione delle celle delle batterie è in polimero di litio, garantendo una maggiore durata e affidabilità.

Le dimensioni del prodotto sono 13.7L x 7l x 2.5Sp cm, con un peso di 410 grammi, rendendolo facile da trasportare e utilizzare ovunque tu ne abbia bisogno. Il marchio INIU è noto per la sua qualità e offre una garanzia di 3 anni leader del settore, dimostrando la fiducia nella durata e nelle prestazioni del loro prodotto.

INIU Power Bank, 22,5W Ricarica Rapida 20000mAh Caricatore Portatile P.

INIU Power Bank 225W Ricarica Rapida 20000mAh Caricatore Portatile PD3.

Il Power Bank 10000mAh di FAHEFANA è un caricatore portatile ultra leggero e sottile, perfetto per chi ha bisogno di energia extra per i propri dispositivi in viaggio o durante le giornate più impegnative. Con una capacità di 10000mAh, questo power bank è in grado di fornire energia sufficiente per ricaricare un iPhone almeno due volte.

Una delle caratteristiche principali di questo prodotto è la sua portabilità. Grazie allo spessore di soli 15mm e al peso di 210g, puoi facilmente infilare il power bank nella tasca del tuo vestito o persino agganciarlo a un libro senza alcun onere. Questa caratteristica lo rende ideale per chi cerca un caricabatterie portatile che non aggiunga peso inutile ai propri oggetti personali.

Il Power Bank 10000mAh di FAHEFANA offre anche tre uscite e doppio ingresso, permettendo di ricaricare fino a tre dispositivi contemporaneamente. Le porte USB C (5V/3A) e le due porte USB (5V/2A) supportano una ricarica rapida e sicura, grazie al potente chip intelligente che identifica i dispositivi e distribuisce automaticamente l’uscita di corrente per ottenere la massima velocità di ricarica. Inoltre, gli ingressi USB C e Mirco USB facilitano la ricarica del power bank stesso.

Questo power bank è ampiamente compatibile con vari dispositivi, tra cui telefoni cellulari, tablet, Airpods, cuffie wireless, smartwatch, ventole portatili e altoparlanti Bluetooth. Grazie all’aggiornamento del chip, il Power Bank 10000mAh di FAHEFANA è in grado di caricare anche dispositivi piccoli e a bassa potenza.

Infine, il potente sistema di batterie garantisce la sicurezza durante l’utilizzo del power bank. Il laboratorio FAHEFANA ha sviluppato un nuovo pacco batterie con un nuovo chip che monitora la corrente 80.000 volte al secondo, proteggendo da carica, scarica eccessiva e cortocircuito. Il power bank ha superato le certificazioni CE, FCC e altre certificazioni di sicurezza, dimostrando l’impegno del marchio nella tutela della sicurezza degli utenti.

Power Bank 10000 mah, Powerbank Ultra Leggero Sottile Caricatore Porta.

Power Bank 10000 mah Powerbank Ultra Leggero Sottile Caricatore Portat.

Il Pxwaxpy Power Bank 10800mAh è un caricabatterie portatile sottile e compatto, ideale per chi è sempre in movimento e necessita di una soluzione pratica ed efficiente per ricaricare i propri dispositivi. Grazie alle sue dimensioni ridotte e alla sua leggerezza, può essere facilmente inserito in qualsiasi tasca o borsa.

La capacità di 10800mAh garantisce un’ottima autonomia, permettendo di ricaricare la maggior parte dei telefoni da 1,5 a 2,5 volte. Il design innovativo prevede un ingresso e un’uscita USB C, soddisfacendo le esigenze degli utenti che utilizzano cavi dati USB-C. Inoltre, il power bank è dotato di 3 uscite, consentendo di caricare fino a 3 dispositivi contemporaneamente.

Una caratteristica interessante di questo prodotto è la presenza di una torcia elettrica, che può risultare molto utile in situazioni di emergenza o durante viaggi e campeggi. Per attivarla, basta premere a lungo il pulsante on/off.

Il display LED digitale mostra con precisione la percentuale di carica rimanente, fornendo informazioni dettagliate sul livello di energia del power bank. Questo aspetto è particolarmente apprezzabile rispetto ai tradizionali indicatori a 4 punti LED, che offrono un’indicazione meno precisa.

La sicurezza e l’affidabilità sono garantite dall’utilizzo di materiali di alta qualità e batterie ai polimeri di litio, oltre che da standard di progettazione ad alta precisione e rigorosi test di sicurezza. Il power bank Pxwaxpy è quindi un prodotto affidabile e sicuro per la ricarica dei tuoi dispositivi.

Nella confezione troverai il power bank 10800mAh USB C, un cavo USB C e il manuale di istruzioni. Il brand Pxwaxpy offre inoltre una garanzia di 3 anni e un servizio post-vendita amichevole e disponibile 7 giorni su 7, 24 ore su 24.

Pxwaxpy Power Bank 10800mAh, Sottile Compatto Caricabatterie Portati.

Pxwaxpy Power Bank 10800mAh Sottile Compatto Caricabatterie Portatil.

Il Power Bank 24000mAh di Bogseth è un caricabatterie portatile potente e versatile, ideale per chi ha bisogno di energia extra per i propri dispositivi elettronici durante viaggi, festival o semplicemente nella vita quotidiana. Con una capacità di ben 24000mAh, questo power bank garantisce una carica sufficiente per alimentare i tuoi dispositivi in qualsiasi situazione.

Una delle caratteristiche principali di questo prodotto è il suo display LED intelligente, che ti permette di conoscere lo stato della batteria del tuo dispositivo in qualsiasi momento premendo il pulsante di accensione. Inoltre, il power bank è dotato di una pratica torcia a LED, utile in caso di emergenze o attività all’aperto.

La compatibilità universale è un altro punto di forza di questo caricabatterie portatile: è infatti compatibile con tutti i prodotti tramite cavo di ricarica USB, inclusi telefoni cellulari iPhone e Android, tablet e altri dispositivi USB. Il pacco batteria esterno identifica e cambia automaticamente la corrente di carica a seconda dei dispositivi, proteggendoli da corrente eccessiva, surriscaldamento e sovraccarico.

Il Power Bank 24000mAh offre anche la possibilità di effettuare una ricarica rapida grazie alle uscite PD 3.0 e QC 3.0, fornendo la potenza più veloce possibile per il tuo dispositivo con un massimo di 22,5W. Con le sue tre prese, potrai caricare più dispositivi contemporaneamente, condividendo il power bank con amici e familiari.

Nella confezione troverai il PD 22.5W power bank slim 24000mAh, un cavo Micro USB e il manuale utente. Il prodotto è coperto da una garanzia di 24 mesi e il servizio post-vendita è sempre disponibile per risolvere eventuali problemi o domande.

Power Bank 24000mAh con 3 Uscite e 2 Ingressi Ricarica Rapida 22.5W Ca.

Come scegliere un power bank

Come appena accennato, i power bank si possono distinguere per capacità, dimensioni, peso e numero – nonché tipo – di porte integrate. Per individuare quello più adatto alle tue esigenze devi, dunque, prendere un minimo di confidenza con le loro caratteristiche tecniche e imparare a distinguerle in maniera corretta. Ti assicuro che è molto più facile di quello che pensi, trovi spiegato tutto qui sotto.

Capacità

La capacità dei power bank si calcola in milliampereora (mAh), proprio come quella delle batterie di smartphone e tablet. Ma cos’è un milliampereora? Te lo spiego subito.

Come facilmente intuibile anche dal suo nome, il milliampereora è la millesima parte di un ampere/ora, l’unità di misura che viene usata per indicare il numero di ampere (che è l’unità di misura dell’intensità di corrente elettrica) che passa attraverso un dispositivo ogni ora.

Chiaro questo concetto base, per individuare il power bank più adatto alle tue esigenze devi scoprire qual è la capacità della batteria che intendi ricaricare, quindi della batteria del tuo smartphone o del tuo tablet: si tratta di un valore che puoi trovare facilmente effettuando una ricerca su Google. Attenzione però, il numero di mAh indicato nei power bank non va rapportato direttamente a quello delle batterie di smartphone e tablet, in quanto viene espresso quasi sempre sulla base di una tensione di 3.7V, che è il voltaggio della batteria, e non sulla tensione di 5V, che invece è il voltaggio usato per la ricarica di smartphone, tablet e altri device.

In poche parole, se trovi un power bank da 10.000 mAh e il tuo smartphone ha una batteria da 3.000 mAh, non potrai fare tre ricariche complete del device, ma di meno (poco più di due). Dal valore dei mAh di un power bank devi sempre togliere un 20-30% per ottenere la capacità reale di quest’ultimo. Per essere ancora più precisi, per scoprire il “vero” amperaggio di un power bank devi calcolare 3.7 [numero dei mAh] / 5. In questo otterrai un valore di mAh “compatibile” con quello del tuo smartphone o del tuo tablet e quindi potrai orientarti meglio nell’acquisto del power bank.

Purtroppo i produttori di power bank non sempre indicano se la capacità delle loro batterie viene espressa sulla base di una tensione di 3.7V o sulla base di una tensione di 5V. Per risolvere questo dubbio, bisogna informarsi autonomamente leggendo recensioni online, commenti degli utenti ed effettuando ricerche online su siti terzi.

Ovviamente, a una maggiore capacità dei power bank equivale anche un allungamento dei tempi di caricamento di questi ultimi, quindi se acquisterai un power bank molto capiente preparati a spendere tanto tempo per caricarlo!

Forma, dimensioni e peso

I power bank possono avere diversi form factor: ci sono quelli a forma di rossetto, quelli rettangolari spessi poco più di una carta di credito, quelli più robusti e capienti che potremmo definire come delle “scatolette”, e l’elenco potrebbe andare avanti a lungo. Devi solo scegliere in base alle tue preferenze.

Il discorso è diverso per quanto concerne peso e dimensioni. Come facilmente intuibile, i power bank più grandi e più pesanti sono quelli che permettono di dare una carica maggiore ai propri dispositivi. Questo significa che se hai bisogno di un power bank da usare in viaggio (o comunque in situazioni in cui starai molto a lungo senza la disponibilità di prese elettriche), devi mettere da parte la portabilità, la leggerezza e devi pensare unicamente al numero dei mAh: potresti aver bisogno di effettuare più cariche complete a smartphone e tablet, e questo è fattibile solo con batterie dall’amperaggio elevato.

Se, invece, hai bisogno di una batteria da tenere sempre in tasca per dare una “botta di vita” ai tuoi device nelle situazioni d’emergenza, tralascia pure il numero dei mAh e acquista un power bank estremamente compatto e sottile da tenere nella tasca dei pantaloni senza fastidi.

Tieni in considerazione anche i materiali costruttivi e la resistenza del power bank ad acqua, urti e polvere. Se ti trovi spesso in situazioni “estreme” o che, comunque, possono risultare pericolose per la salute dei dispositivi elettronici, acquista un power bank rivestito in modo tale da resistere a cadute in acqua, schizzi, cadute e quant’altro.

Nelle situazioni estreme (o in banali campeggi) possono tornare utili anche i power bank a energia solare, i quali includono dei pannelli solari grazie ai quali riescono a ricaricarsi senza l’ausilio della presa elettrica. In maniera molto lenta, ma ci riescono!

Porte e potenza

Come detto anche in precedenza, i power bank possono essere equipaggiati con un numero variabile di porte. Quelli con una porta sola permettono di caricare un solo dispositivo alla volta, quelli con più porte permettono di ricaricare più dispositivi alla volta, ma ci sono anche tante altre differenze di cui bisogna tener conto.

Innanzitutto, bisogna dire che le porte possono essere di input o di output: quelle di input permettono di caricare il power bank stesso. Quelle di output, invece, sono quelle a cui bisogna collegare i dispositivi da ricaricare (smartphone, tablet ecc.).

Bisogna poi fare i conti con il formato delle porte. La maggior parte dei power bank offre porte di tipo USB A (quindi di tipo USB standard) attraverso le quali ricaricare i più comuni modelli di smartphone e tablet. Poi ci sono le porte microUSB, che spesso vengono usate per la ricarica dei power bank stessi, e le porte USB Type-C, che invece vengono usate per ricaricare alcuni modelli di smartphone, computer portatili (es. i MacBook) e console per videogiochi (es. Nintendo Switch) di ultima generazione.

Un capitolo a parte meritano le porte Lightning di Apple, che non servono per ricaricare iPhone e iPad (quelli si possono ricaricare normalmente con qualsiasi porta USB in formato standard) ma, se presenti, permettono di ricaricare il power bank usando lo stesso cavo utilizzato per gli iDevice (quindi inserendo la presa Lightning nel power bank e la presa USB che c’è sull’altro capo del cavo nel caricatore collegato alla presa elettrica).

Prima abbiamo accennato all’energia erogata dal power bank. Ebbene, devi sapere che ciascuna porta di un power bank può erogare un quantitativo di energia differente. Questa energia viene misurata in Ampere (A) e influisce sui tempi di caricamento dei dispositivi. Ad esempio, ci sono porte da 1A che caricano i dispositivi a una certa velocità e porte da 2.1A o 2.4A che caricano i dispositivi in maniera più rapida, in quanto riescono ad erogare un quantitativo maggiore di energia verso questi ultimi.

Affinché la ricarica sia effettivamente più rapida, però, anche il dispositivo di destinazione deve essere compatibile con il livello di potenza del power bank. In altre parole: se hai uno smartphone che supporta la carica fino a 1A e lo colleghi a una porta da 2.1A o 2.4A, non si caricherà più velocemente perché assimilerà energia sempre a 1A (e questo gli permetterà anche di non danneggiarsi, in quanto limiterà automaticamente il quantitativo di energia da assorbire e non andrà a sovraccaricare la batteria). Al contrario, se hai uno smartphone che supporta la carica a 2.1A o 2.4A e lo colleghi a una porta 1A la carica sarà più lenta di quella fornita dal caricatore standard del telefono.

Altra cosa importante da sapere è che nei power bank equipaggiati con più porte, se si utilizzano due o più porte in contemporanea, la potenza complessiva di output viene suddivisa tra queste ultime. Ciò significa che se compri un power bank in grado di erogare una potenza complessiva di 4A e colleghi ad esso più dispositivi in contemporanea, l’energia verrà suddivisa tra le varie porte (es. 2A su due porte o 1A su quattro porte).

Per quanto concerne i sovraccarichi, non ti preoccupare: ormai tutti i power bank dispongono di un sistema di sicurezza che interrompe l’erogazione di energia in caso di sovraccarico o cortocircuito. Inoltre il rischio di sovraccarichi è molto limitato in quanto i power bank riescono a “riconoscere” automaticamente i device collegati alle loro porte ed erogano un quantitativo di energia adeguato alla loro ricarica senza mai superarlo.

Supporto QuickCharge

Rimanendo in tema di energia erogata, ti segnalo che se hai uno smartphone Android dotato di tecnologia QuickCharge di Qualcomm e vuoi ricaricarlo alla massima velocità possibile, devi acquistare un power bank dotato del supporto a tale tecnologia.

Non sai di cosa sto parlando? In questo caso non dovresti aver bisogno di un power bank con supporto QuickCharge. In ogni caso si tratta di una tecnologia proprietaria di Qualcomm (nota azienda produttrice di processori per smartphone) che, tramite un sistema di voltaggi e amperaggi dedicati gestiti dal processore, permette un caricamento molto veloce del telefono.

È bene sottolineare che esistono più generazioni di QuickCharge (es. QuickCharge 3.0 e QuickCharge 2.0), quindi cerca di acquistare un power bank in grado di sfruttare appieno la generazione di QuickCharge disponibile sul tuo smartphone. Se hai dubbi circa la generazione di QuickCharge usata dal tuo smartphone, acquista un power bank che supporta la versione più recente di questa tecnologia: la retro-compatibilità con le versioni precedenti è sempre garantita.

Indicatori LED e torcia

Un dettaglio a cui non tutti pensano ma che può rivelarsi fondamentale nell’utilizzo quotidiano di un power bank è la presenza di un indicatore LED per conoscere il livello della carica residua. Soprattutto nei power bank più capienti, sapere il livello di carica residua può essere importante, quindi un indicatore LED è proprio quello che ci vuole.

Altra caratteristica che può avere la sua utilità è la torcia, che molti power bank integrano e permettono di usare sfruttando la carica residua presente nella batteria.

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d’Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.

Articoli Consigliati

  • Come scegliere power bank
  • Migliori power bank solari: guida all’acquisto
  • Power Bank: come funziona
  • Migliori batterie ricaricabili: guida all’acquisto
  • Migliori caricabatterie: guida all’acquisto
  • Come caricare power bank
  • Homepage
  • Chi è Salvatore Aranzulla
  • Iscrizione alla newsletter
  • Contatti
  • Pubblicità
  • Offerte di lavoro
  • Privacy policy
  • Cookie policy
  • Preferenze privacy
  • © Aranzulla Srl a socio unico. Piazza della Repubblica 10. 20121 Milano (Mi). CF e P.IVA: 08200970963. N. REA: Mi 2009810. C.S.: 10.000,00 € i.v.

Ti presentiamo il trading N.1

Affidati alla piattaforma per investire più usata dagli italiani.

Trading n. 1 in Italia per volumi totali di azioni scambiate in Italia: Fonte: Report Assosim. 2022.

Investi sui titoli che ami

Accedi ai principali mercati finanziari per comprare e vendere i tuoi titoli preferiti.

Ampia varietà di azioni, in tantissimi settori.

Effetto leva, con il trading in marginazione.

Commissioni ridotte in base all’operatività.

Un mondo di opportunità

Tantissimi prodotti, con l’affidabilità di una delle banche più solide in Italia.

Per investire nelle società che ami.

Trading globale a zero commissioni.

ETF, ETC ETN

Per diversificare i tuoi investimenti.

CERTIFICATI FINECO

Più potenza alla tua strategia.

Ethereum o Bitcoin? Scegli il tuo sottostante.

Trova il titolo di debito che fa per te.

Strategia senza compromessi.

Indici o azioni, scegli il tuo strike.

KNOCK OUT

Nuove opportunità sui mercati mondiali.

CET1 21,8 % tra le più solide in Italia: Fonte dati CS. Risultati 1Q23

NUOVO CLIENTE? PRICING SPECIALE!

Apri il conto e inizia a fare trading a commissioni ridotte.

  • Azioni, ETF e Obbligazioni: nel mese di apertura conto e in quello successivo paghi 9,95€ su Italia e Europa o 9,95 su USA per ordine
  • Futures e Opzioni: nel mese di apertura del conto e nei due successivi hai la fascia commissionale più bassa, fino a 0,85€ e 1 a lotto.

Più investi, meno paghi

Con Fineco puoi ridurre le commissioni in base alla tua operatività.

ITALIA E EUROPA

Commissione fissa per ordine, decrescente in base all’operatività.

MERCATI USA

Commissione fissa per ordine, decrescente in base all’operatività.

MERCATO TSX

Commissione fissa per ordine, decrescente in base all’operatività.

PAC SU ETF

Commissione fissa mensile per un piano con 2 ETF.

FUTURES IDEM

Commissione fissa per lotto, decrescente in base all’operatività.

FUTURES EUREX

Commissione fissa per lotto, decrescente in base all’operatività.

FUTURES CME

Commissione fissa per lotto, decrescente in base all’operatività.

OPZIONI

Zero commissioni, solo spread, da 3PIPs su Nasdaq.

OPZIONI IDEM

Commissione fissa per lotto, decrescente in base all’operatività.

OPZIONI EUREX

Commissione fissa per lotto, decrescente in base all’operatività.

OPZIONI CBOE

Commissione fissa per lotto, decrescente in base all’operatività.

CERTIFICATI

Zero commissioni per ordine, di qualsiasi controvalore.

CERTIFICATI

Zero commissioni fino al 30/6/2023 Regolamento

CERTIFICATI

Commissione fissa per ordine decrescente in base all’operatività.

Under 30?Investi con noi

Fino ai 30 anni hai canone del conto gratuito e investi a condizioni speciali:

Zero commissioni, con i CFD

Investi su Indici, materie prime e non solo. Zero commissioni, solo spread.

  • €0 deposito minimo
  • €0 spese di inattività
  • €0 per trasferimento titoli
  • €0 spese di custodia

Solo spread, sottostanti azioni Italia, USA, UK, Francia e Germania.

Le ultime novità

Investi su Indici Europei con effetto leva costante 7x per tutta la vita dello strumento. A zero commissioni fino al 30 giugno 2023. Regolamento

6 ETF azionari e 5 ETF obbligazionari utili a coprire diverse esigenze di investimento, su temi quali ad esempio tecnologia, cyber security, materie prime ed ESG.

Cogli le opportunità di trading su strumenti con sottostante le criptovalute più conosciute, come Bitcoin ed Ethereum, senza alcun portafoglio secondario.

Crea la tua strategia con una selezione di ETF iShares e Amundi/Lyxor senza commissioni di negoziazione per ordini in acquisto. Regolamento

È possibile perdere tutto il capitale investito.

Fai trading, da casa o in mobilità

Da desktop, tablet o via app: sempre pronto a operare in modo semplice e veloce.

La piattaforma più evoluta di sempre

Potente, completa e totalmente adattabile al tuo stile di trading. Vivi un’esperienza straordinaria, con la nuova FinecoX.

Portafoglio e mercati sempre in tasca

Controlla i tuoi titoli in qualunque momento. Quotazioni real-time, grafici, news e operatività, sempre a portata di mano.

Ecco perché ha oltre 300.000 valutazioni e un voto medio di 4.5 stelle.

Tantissime funzionalità e tools online

Nel sito Fineco hai gli strumenti più evoluti per effettuare analisi, restare informato e operare sui mercati globali in modo semplice e intuitivo.

Idee di trading e ricerche tematiche

Esplora i listini con le ricerche preimpostate o personalizzando i filtri con decine di dati tecnici, fondamentali, di performance e settoriali.

Marginazione e servizi evoluti

Scopri i tools Fineco che potenziano e semplificano la tua operatività.

Fai trading Intraday e Overnight investendo soltanto una parte della liquidità necessaria.

Proteggi le posizioni con Take Profit, Stop Loss, Condizionati, Correlati e Trailing Stop.

Quotazioni in push, grafici, inserimento ordini e protezioni, monitoraggio: tutto dal book.

Diversifica liquidità e investimenti e opera direttamente in oltre 20 valute mondiali.

Attiva i filtri multiparametro per selezionare con precisione i titoli che ti interessano.

Presta i tuoi titoli: puoi avere fino al 7% lordo annuo, mantenendone la disponibilità.

L’operatività in Marginazione può determinare perdite che possono eccedere il capitale investito.

Impara i fondamentali dei mercati finanziari e potenzia le tue strategie di trading con i corsi e webinar targati Fineco. Scopri di più

Alle tasseci pensiamo noi

Se scegli il regime fiscale Amministrato, pensiamo a tutto noi: calcoliamo e versiamo in automatico per te le imposte generate dalla tua attività di trading.

Zero vincoli,massima libertà

Non hai obbligo di versamento minimo per operare né costi di inattività. E puoi trasferire i titoli senza costi da parte di Fineco (se usi altre piattaforme, verifica le loro condizioni).

Solidi e affidabili

Performance e stabilità, anche nelle fasi di mercato più concitate.

DI ORDINI GESTITI ALL’ANNO

PROGETTATA E GESTITA DA NOI

Fonte: Elaborazione dati interna

Domande? Siamo qui per aiutarti

Sono tante le caratteristiche da considerare prima di scegliere una piattaforma per fare trading. Una piattaforma di trading deve essere prima di tutto affidabile, ovvero deve essere in grado di funzionare stabilmente in ogni circostanza, deve essere veloce nei tempi di esecuzione degli ordini e deve avere tutti gli strumenti necessari per supportare le decisioni di trading. Con Fineco hai cinque diverse piattaforme professionali, che possono adattarsi alle tue diverse esigenze.

Nella scelta del Broker è molto importante valutare i costi per accedere alle quotazioni in tempo reale. Fineco, in alcuni casi, offre le informative gratuitamente. In altri, invece, il canone dell’informativa può essere azzerato al ricorrere di determinate condizioni: ad esempio, per i mercati HEX, Equiduct, Xetra, Euronext, LSE, SIBE e VIRTX bastano 5 ordini eseguiti nel mese su qualunque strumento dell’offerta trading.

Fai attenzione quando cerchi di comprare un’azione: un’azione (in inglese share o stock) è un titolo che rappresenta la percentuale di partecipazione e di capitale investito in una società per azioni. Comprando un’azione, l’azionista diventa socio dell’azienda e acquista un diritto ai dividendi in proporzione alla quota acquistata ed in caso di azione ordinaria, anche al diritto di voto. Non tutti i Broker offrono la possibilità di operare in azioni con i diritti che ne derivano ma solo di speculare sul valore del sottostante.

Se esistesse una ricetta semplice per investire, saremmo tutti ricchi. Ma non è così. Warren Buffet dice “Investi su quello che conosci”. Per investire con successo non basta copiare una strategia, bisogna crearla. E per farlo bisogna avere gli strumenti giusti. Per questo non ti offriamo la bacchetta magica ma ti proponiamo tutti gli strumenti per esplorare, riconoscere e cogliere da solo tutte le opportunità che ti offrono i mercati.

Applichiamo commissioni basse ma non le azzeriamo per continuare ad offriti un servizio di qualità e condizioni trasparenti. La commissione dipende dal mercato di esecuzione. Operando su Italia, Europa, USA e Canada il costo per eseguito si abbassa all’aumentare della tua operatività. Per tutti i dettagli e i costi clicca qui

Non ci sono costi per trasferire i titoli presso Fineco, né da Fineco presso intermediari terzi. Se utilizzi altre piattaforme, verifica se hai le stesse condizioni. Puoi trasferire in automatico tutti i tuoi titoli in Fineco facendone richiesta direttamente online. Per avviare la richiesta, è necessario inserire le informazioni relative al dossier che vuoi trasferire direttamente alla sezione Mercati e Trading Market View Trasferisci titoli e fondi. Il trasferimento è gratuito.

Quando faccio trading, per ogni operazione, genero una plus o minusvalenza. Se opti per un regime dichiarativo o il tuo Broker non agisce da sostituto d’imposta, dovrai calcolare tutti i movimenti o affidare il lavoro ad un commercialista, al fine di portare in dichiarazione i redditi per eventuali tasse. Con Fineco invece, scegliendo il regime Amministrato, non dovrai pensare a niente: sarà la Banca ad agire da sostituto d’imposta per i clienti con la residenza fiscale in Italia (ad eccezione dei casi in cui è espressamente escluso dalla normativa tempo per tempo vigente l’intervento del sostituto d’imposta e rimane necessario verificare la necessità di compilare la dichiarazione dei redditi: a titolo d’esempio per trading su ETF non armonizzati e prelievi di valuta con giacenza media superiore a 51.645,69 per almeno sette giorni lavorativi continui nel corso dell’anno).

Bisogna stare attenti non solo alle commissioni ma anche ai costi di cambio valuta. Grazie al servizio Multicurrency di Fineco sei tu a scegliere quando cambiare valuta: puoi anche farlo solo una volta così da ottenere un risparmio sui costi di cambio oltre che scegliere tu il momento migliore per la conversione.

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Per tutte le condizioni relative ai prodotti e servizi pubblicizzati occorre fare riferimento a fogli informativi e moduli informazioni pubblicitari e alla documentazione informativa prescritta dalla normativa vigente, disponibili su questo sito e presso i consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede Fineco.

Trading n. 1 in Italia per volumi totali di azioni scambiate in Italia: Fonte: Report Assosim. 2022

Commissioni su amministrato: di seguito si specificano i mercati per i quali si applica il pricing indicato. Italia e Europa: Obbligazioni (Mot – EuroMot – Etlx – MIMTF – Euronext), ETF e azioni (Euronext Milan – Xetra. Equiduct Germania, Francia, Olanda, Portogallo – Euronext), CW e Certificati. USA: azioni americane (Nyse, Amex, Nasdaq). Sui mercati Equiduct Francia, Olanda e Portogallo e Euronext, oltre alla commissione di negoziazione, è previsto il pagamento di 9€ di diritti fissi per ogni ordine eseguito. Per «commissioni generate nel mese» vengono considerate le commissioni generate con gli ordini eseguiti sia sui mercati americani che sui mercati europei (controvalore in euro).

Le commissioni di negoziazione indicate per la compravendita di strumenti finanziari si riferiscono soltanto alle operazioni disposte online.

Condizioni giovani under 30 le condizioni previste per coloro che hanno età inferiore a 30 anni si applicano ai conti in cui tutti gli intestatari hanno età inferiore ai 30 anni.

L’operatività in strumenti finanziari può determinare perdite del capitale. Gli strumenti finanziari derivati sono strumenti complessi e presentano un significativo rischio di perdere denaro rapidamente a causa dell’effetto leva. Operando in strumenti finanziari derivati e in marginazione le perdite possono anche eccedere il capitale investito.

Per le condizioni economiche, le caratteristiche, la natura e i rischi dei prodotti finanziari derivati occorre fare riferimento all’integrazione contrattuale avente ad oggetto i servizi di ricezione e trasmissione di ordini, esecuzione ordini per conto di clienti anche mediante negoziazione per conto proprio di strumenti finanziari derivati, alle pertinenti Schede prodotto e Norme operative, disponibili sul sito finecobank.com. L’operatività in strumenti finanziari derivati è riservata ai clienti Fineco abilitati ad operare tramite la compilazione di apposito questionario nonché la sottoscrizione dell’Integrazione Contrattuale. Per poter operare in derivati è altresì necessario aver compilato integralmente l’intervista MIFID ed essere in possesso di un livello di conoscenza ed esperienza derivante dalle informazioni rilasciate in linea con quello minimo previsto per operare su detti strumenti.

Futures: strumenti finanziari derivati il cui valore è direttamente collegato a quello dell’attività sottostante e ne segue quindi l’andamento. Gli strumenti finanziari derivati sono caratterizzati dall’effetto leva: questo significa che un movimento dei prezzi di mercato del sottostante relativamente piccolo avrà un impatto proporzionalmente più elevato sul margine che, nel caso di movimento sfavorevole rispetto al segno della posizione del cliente (aumento del prezzo del sottostante per le posizioni corte, diminuzione per le posizioni lunghe) potrà andare pressoché interamente perduto. L’impostazione degli ordini automatici non ne garantisce l’esecuzione al prezzo prefissato, in quanto il raggiungimento di tale prezzo è condizione per l’immissione dell’ordine e non per l’esecuzione dello stesso. Tra l’immissione dell’ordine e la sua esecuzione il prezzo può variare, soprattutto in presenza di particolari condizioni come, ad esempio, nel caso di titoli sottili o con forte volatilità. Prima di operare in strumenti finanziari derivati leggere i KIDs disponibili su questo sito.

CFD (Contract For Difference): strumenti finanziari derivati negoziabili in contropartita diretta con FinecoBank il cui valore è direttamente collegato a quello dell’attività sottostante (valori mobiliari, Indici, valute, futures su obbligazioni, futures su indici di volatilità e futures su materie prime) e ne segue quindi l’andamento. In particolare il CFD prevede il pagamento del differenziale di prezzo registrato tra il momento dell’apertura e il momento di chiusura del contratto. Il prezzo di apertura e il prezzo di chiusura sono determinati dalla banca applicando, a seconda dei casi, un mark-up o uno spread sul prezzo del sottostante nella misura indicata nelle condizioni economiche che regolano il servizio. Il CFD è caratterizzato da un forte effetto leva: questo significa che un movimento dei prezzi di mercato del sottostante relativamente piccolo avrà un impatto proporzionalmente più elevato sul margine che, nel caso di movimento sfavorevole rispetto al segno della posizione del cliente (aumento del prezzo del sottostante per le posizioni corte, diminuzione per le posizioni lunghe) potrà andare pressochè interamente perduto. L’operatività Multiday prevede l’applicazione di interessi nella misura indicata nelle condizioni economiche che regolano il servizio.

Prima di operare in CFD leggere attentamente i documenti contenenti le informazioni chiave (KIDs) disponibili sul sito finecobank.com.

I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 64,14 % di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con FinecoBank. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il suo denaro.

Le leve offerte sono differenziate in base alla tipologia di sottostante e alla classificazione della clientela: fino a 28,57 volte per i clienti al dettaglio e fino a 100 volte per i clienti professionali.

Certificati Fineco: distinti in «Certificati a Leva Fissa» e «Certificati Turbo», sono quotati sul sistema multilaterale di negoziazione Vorvel Certificates di VORVEL. Sono strumenti complessi e comportano un elevato grado di rischio a causa dell’effetto leva. L’operatività in Certificati Fineco può determinare la perdita dell’intero capitale investito. Prima dell’adesione ai Certificati Fineco leggere, a seconda della tipologia prescelta, il Prospetto di Base dei Certificati a Leva Fissa Fineco approvato dalla Consob (Nota Informativa approvata il 21 Dicembre 2022 e Documento di Registrazione sull’emittente approvato in data 25 maggio 2022) e/o il Prospetto di Base dei Certificati Turbo Fineco approvato dalla Consob (Nota Informativa approvata il 6 Settembre 2022 e Documento di Registrazione sull’emittente approvato in data 25 maggio 2022), le relative Condizioni Definitive (allegata Nota di Sintesi) nonché i Documenti contenenti le informazioni chiave (KIDs), disponibili per ciascuno strumento sulla pagina Documentazione Certificati Fineco. State per acquistare un prodotto che non è semplice e può essere di difficile comprensione. L’approvazione del prospetto da parte di Consob non può essere intesa come approvazione dei titoli offerti.

Certificati a Leva Fissa Fineco a Zero Commissioni di Negoziazione: è l’iniziativa valida dal 26/01/2023 al 30/06/2023 che consente ai clienti Fineco, abilitati a operare sui Certificati a Leva Fissa, di effettuare operazioni di compravendita sui suddetti titoli a zero commissioni di negoziazione. Per maggiori dettagli consulti il regolamento.

ETF Fineco Asset Management: comparti di FAM Series UCITS ICAV, un fondo UCITS irlandese con patrimoni autonomi e separati. Fineco Asset Management D.A.C fa parte del gruppo FinecoBank. Fineco Asset Management D.A.C. è regolamentata dalla Banca Centrale d’Irlanda. La decisione di investire in detto fondo deve tenere conto di tutti i suoi obiettivi e le sue caratteristiche descritte nel relativo Prospetto e nei KID. Il gestore o la società di gestione può decidere di porre fine alla commercializzazione dei suoi organismi di investimento collettivo in conformità dell’articolo 93 bis della direttiva 2009/65/CE.

Criptovalute: le Autorità Europee di vigilanza nonché quelle nazionali, Consob e Banca d’Italia, richiamano l’attenzione dei consumatori sugli elevati rischi connessi all’operatività su cripto-attività. AEV. Consob e Banca d’Italia. Prima di operare in CFD, in Knock Out Options ed ETP leggere attentamente i KID/KIID disponibili sul sito.

Promozioni zero commissioni di acquisto su:

Amundi ETF e Lyxor ETF: L’iniziativa è valida dal 11/07/2022 al 11/07/2023 con possibilità di successive proroghe e consente alla clientela di effettuare operazioni di acquisto, tramite la Banca, di una selezione di Exchange Traded Funds gestiti dal Gruppo Amundi (sia Amundi ETF sia Lyxor ETF). Regolamento

iShares ETF: L’iniziativa è valida dal 07/11/2022 al 31/12/2023 con possibilità di successive proroghe e consente alla clientela di effettuare operazioni di acquisto, tramite la Banca, di una selezione di Exchange Traded Funds gestiti da iShares. Regolamento

Fineco App 300.000 valutazioni e un voto medio di 4.5 stelle, considerando App Store, Google Play Store e AppGallery.

Marginazione (Intraday, Super Intraday o Super Leva e Multiday): è una modalità di trading che presuppone una conoscenza avanzata dei mercati e degli strumenti finanziari. Benché la struttura di un’operazione in marginazione preveda l’utilizzo di ordini stop loss automatici che si attivano prima dell’azzeramento del margine, qualora l’andamento del mercato evidenzi repentine forti variazioni negative del prezzo del titolo (riduzioni nel caso di Posizioni Long, incrementi nel caso di Posizioni Short), la perdita realizzata può anche eccedere il capitale inizialmente investito (margine). Si tratta quindi di una tipologia di operazione altamente speculativa, con un elevato livello di rischio.

Multicurrency: è un servizio multivalutario accessorio al conto corrente in euro; prevede la possibilità di effettuare operazioni di addebito e/o accredito nelle valute di denominazione del servizio ed è necessario per utilizzare alcuni servizi di trading online relativi a prodotti finanziari denominati in valute diverse dall’euro. L’attivazione del servizio è gratuita. Al tasso di cambio praticato sulla singola valuta è invece applicato uno spread, secondo quanto indicato nei fogli informativi e nell’Help Fineco.

Leave a Comment